stampa
stagione 2020-2021, ciclo poesia e altre arti: Canale Youtube
giovedì 5 novembre 2020 19:30

PER IL LOBO D'ORO: un poeta tirato per le orecchie

serata a cura di Amos Mattio

EVENTO ESCLUSIVAMENTE IN STREAMING SUL NOSTRO CANALE YOUTUBE!

Lo scrittore Roberto Barbolini presenta "Per il Lobo d'Oro", un racconto autobiografico di Tomaso Kemeny che copre quaranta anni, dall'anno di nascita a Budapest(\1938) fino al 1978 a Milano. Include l'incontro con André Breton e le esperienze d'avanguardia dell'autore che interverrà alla serata.

Per il Lobo D'Oro è l'autobiografia (semiseria) di un nume tutelare della poesia contemporanea, Tomaso Kemeny (Tamàs Làszlo Sàndor), uscita dopo il lockdown per i tipi di Effigie editore (pp. 136, euro 12). Il libro copre quarant'anni del Novecento, dal 1938, anno di nascita dell'autore, a Budapest, fino al 1978 a Milano. Un'opera che per ovvie ragioni, come tante altre uscite nel periodo primaverile di isolamento, è passata un po' in sordina. 

 

"Siamo sempre sul ring.

La Poesia è pronta al combattimento.

Sta per suonare il gong".

 

Il libro: dalla morte del padre sul fronte russo comincia il fil rouge della trama. Nel 1947 Kemeny viene adottato dal patrigno e nel 1948 la famiglia fugge dall’Ungheria per non venire deportata. L’avventura esistenziale vede l’autore divenire pugile, peso medio negli Stati uniti sul ring di Chicago. Segue l’incontro con André Breton e i surrealisti nella Parigi degli anni Cinquanta e le esperienze d’avanguardia nella Milano degli anni Settanta. Ci sono poi tutto l'amore per la poesia, le esperienze legate all'avventura della traduzione, il movimentismo, il mitomodernismo, le mille lotte e i labirinti di libertà percorsi e costruiti da un intellettuale, poeta nostro contemporaneo che merita di essere conosciuto e approfondito.   

 

Tomaso Kemeny (Budapest 1938), vive a Milano dal 1948. In qualità di anglista, professore cattedratico presso l’Università di Pavia, ha scritto libri, saggi e articoli sull’opera di Ch. Marlowe, S.T. Coleridge, P.B. Shelley, Lord Byron, Lewis Carroll, Dylan Thomas, James Joyce e Ezra Pound. Ha pubblicato undici libri di poesia tra cui Il guanto del sicario (1976), Il libro dell’Angelo (1991), La Transilvania liberata (2005), Poemetto gastronomico e altri nutrimenti (2012), 107 incontri con la prosa e la poesia (2014), Boomerang (2018). Ha scritto libri di poetica come L’arte di non morire (2000) e Dialogo sulla poesia (con Fulvio Papi, 1997); il romanzo Don Giovanni innamorato (1993); il testo drammatico La conquista della scena e del mondo (1996). Con Cesare Viviani ha organizzato i seminari sulla poesia degli anni Settanta presso il Club Turati di Milano (1978-79). È tra i fondatori del movimento internazionale mitomodernista (1994) e del movimento “Poetry and Discovery” (2016), nonché della Casa della poesia di Milano (2006). Tra i pubblici riconoscimenti: il “Premio speciale per la traduzione Giuseppe Acerbi” (2006), il “Montale fuori mura” alla carriera (2015) e il “Premio Genesi” per la carriera (2019)  

 

LINK PER DIRETTA VIDEO