stampa
2016-2017, ciclo grandi poeti: Laboratorio Formentini, via Formentini 10
giovedì 21 giugno 2018 ore 19:30

Verso Bisanzio: Mussapi legge Yeats

serata a cura di Roberto Mussapi

Mussapi legge la poesia di Yeats, che è l’esplorazione, tremebonda e splendida, della divinità, nella sua pienezza poetica, che in quanto tale non esclude buio e ombre. In Yeats, che sente il divino principalmente nell’uomo, e che guarda con simpatia al Rinascimento, convivono le visioni magiche dell’antico druidismo, il mondo delle fate e dei demoni delle selve dell’antica Irlanda, e un cristianesimo non dogmatico e non assoluto, anzi, lucidamente eretico, originalissimo.

Roberto Mussapi ha lavorato per anni alla traduzione del poeta maestro, da cui cercava di apprendere quello che ha definito “l’elisir arabico”: la capacità della poesia di creare magia passando per i sensi, e superando il mondo dei sensi. Tradurlo ha significato rivivere miti fondanti della sua poesia stessa: La voce nella notte, la Magia in cui amore e poesia si fondono, Sharazhade e l’incanto arabico delle Mille e una notte, ma anche la poesia ove la voce del poeta si sdoppia e dalla lirica crea dramma lirico.