stampa
stagione 2009-2010, ciclo poesia e musica: Palazzina Liberty
martedì 23 febbraio 2010 ore 21

una finestra sull'oriente tra lirica e poesia concerto lirico

serata a cura di Amos Mattio

ingresso gratuito

Uno dei massimi cantanti lirici coreani, Sang Lock Park, e il pianista Giuseppe Giusta diventano interpreti di un inedito confronto tra oriente e occidente, proponendo la trasposizione lirica di poeti italiani del primo novecento e presentando poesie coreane messe in musica. Nell'intermezzo una composizione musicale di Giuseppe Giusta a commento di una fiaba di Amos Mattio, "il fiocco magico".

Sang Lock Park baritono

Giuseppe Giusta pianoforte

Amos Mattio voce recitante

Programma

  • F.P.Tosti
    • Malia (versi di Rocco Emanuele Pagliara)
    • Tristezza (versi di Riccardo Marzola)
    • Sogno (versi di Lorenzo Stecchetti)
    • Aprile (non è indicato l’autore dei versi)
    • Serenata (versi di Giovanni Alfredo Cesareo)
    • Non t'amo più (versi di Carmelo Errico)
  • A.Ponchielli
    • "Raccogli e calma" da Il figliuol prodigo
  • Eun-go
    • Strada
  • Eun-go
    • Le lingue del mondo
      ___________________
  • A.Mattio
    • Il Fiocco Magico
      ___________________
  • Keum Sukyun
    • Altalena (poesia di Mal Bong Kim )
  • Tunam-Gio
    • La canzone della nave (poesia di Ho Seok)
  • L.Denza
    • Occhi di fata (versi di Tramacoldo, probabilmente uno pseudonimo)
  • R.Leoncavallo
    • Mattinata (versi di Giosuè Carducci)
  • S.Gastaldon
    • Musica proibita (l’autore dei versi si firma con lo pseudonimo Flick Flock)
  • G Verdi
    • "Per me giunto è il dì supremo… O Carlo ascolta” da Don Carlo

 

Sang Lock Park, baritono sudcoreano, nel febbraio1971 si laurea in canto presso l'Università Statale di Seoul. Nel settembre 1981 si diploma al Conservatorio “S.Cecilia” di Roma sotto la guida del M° Paolo Silveri e dal 1989 al 1990 si perfeziona con Giuseppe Taddei con una borsa studio del governo coreano. Ha interpretato in oltre cento recite importanti ruoli in opere liriche tra cui Madama Butterffly , Pagliacci, Tosca, Le nozze di figaro, Don Gi
ovanni. Ha cantato in numerosi concerti e recital a Seoul, Roma, Napoli. Dal 1983 è professore del corso di canto presso l'Università Statale "Chungnam" di Daejon (Corea del Sud). E' stato rettore della stessa Università, vicepresidente dell'Unione dei Musicisti coreani e presidente della Società di Ricerca della Musica coreana.

Giuseppe Giusta ha tenuto concerti in Italia e all’estero come solista, in varie formazioni da camera, come direttore d’orchestra e come pianista nel repertorio vocale suonando in prestigiose sale concertistiche e per importanti istituzioni come il Conservatorio “P.I.Tchaikovskj” di Mosca, il Metropolitan Museum di New York, l’Auditorio Nacional di Madrid, lo Zelt Musik Festival di Freiburg, l’Auditorium “S.Fedele” di Milano, il Teatro “Bibiena” di Mantova, il Teatro “Ghione” di Roma, il Conservatorio “G.Verdi” di Torino.
Fa parte del Quartetto Pianistico Italiano, formazione cameristica per due pianoforti a otto mani. Ha effettuato registrazioni radiofoniche e televisive per RAI 1, Radio 3, Radio Nacional de España, Radiovaticana, Asia TV, discografiche per Musique du Monde, Phoenix Classics e Literatura Foìro. Insegna al Conservatorio “G.F.Ghedini” di Cuneo 

 


Consolato Generale della Repubblica di Corea